XenTari® lo specialista contro le nottue

Di Andrea De Giorgi
orticole nottue

Le larve dei nottuidi provocano danni sulle colture orticole, sia in serra che in pieno campo, di diverso genere come la rosura delle foglie, nel caso delle lattughe, mentre su ortaggi come pomodoro e peperone, scavano gallerie nelle bacche, danneggiando irrimediabilmente i frutti.

Questi nottuidi appartengono a diverse specie: Autographa gammaSpodoptera littoralis, Mamestra brassicae e le più diffuse e pericolose Helicoverpa armigera e Spodoptera exigua.

Nel primo caso si tratta di una specie polifaga, presente quasi esclusivamente nell’Italia centro-meridionale dove, nelle ultime stagioni, ha manifestato infestazioni.

Helicoverpa armigera pur manifestando una potenziale polifagia e una presenza ubiquitaria in tutto il paese risulta più legata alla coltura del pomodoro sia in serra che soprattutto nella coltivazione da industria in pieno campo.

larve nottue

In un sistema che è sempre alla ricerca di soluzioni di protezione delle colture sicure per l’operatore, per l’ambiente e per gli organismi non target, la ricerca sta impostando la propria attività su molecole non più derivate dalla sintesi, ma ricavate da organismi naturali, già presenti nell’ambiente da cui estrarre nuovi principi attivi.

Sumitomo Chemical in questo senso è sempre stata all’avanguardia, imponendosi come leader mondiale dei Bacillus thuringiensis attraverso la divisione Valent BioSciences Corporation (VBC), applicando tecnologie farmaceutiche alla produzione di prodotti per la difesa delle colture agricole, forestali e per la salute pubblica.

Esistono centinaia di ceppi di Bacillus thuringiensis, ma solo alcuni producono tossine efficaci contro i parassiti di interesse agrario, per cui è fondamentale che il processo produttivo dell’insetticida a base di Bacillus segua passaggi precisi ed accurati, per garantire il corretto contenuto in tossine e soprattutto evitare la presenza di contaminanti indesiderati.

Il ceppo, ABTS 1857, appartenente alla subsp. aizawai di XenTari® ha caratteristiche di specificità nella lotta convenzionale contro le larve dei Lepidotteri defogliatori ed è particolarmente attivo contro le larve dei Lepidotteri nottuidi per la presenza di alcune tossine (Cry1C e Cry1D).

 XenTari® offre una serie di vantaggi anche in termini di utilizzo:

  • Comprovata attività nei confronti di vari lepidotteri fitofagi
  • Profilo tossicologico ed ecotossicologico favorevole (brevi tempi di carenza, elevato numero di colture)
  • Refrattarietà alla resistenza
  • Ideale in programmi di difesa integrata e biologica
  • Indicato anche per i prodotti da GDO e per l’export.

 

Consigli d’uso

  • In presenza di acque con pH superiore a 7 è necessario acidificare preventivamente l’acqua prima di effettuare la miscela
  • Un volume medio-alto di soluzione darà i migliori risultati con la maggior parte delle attrezzature impiegate.
  • Si raccomanda l’uso di bagnanti specialmente in colture difficili da bagnare in modo appropriato
  • In caso di forti infestazioni, usare sempre la dose più alta consigliata, ridurre gli intervalli tra un trattamento e l’altro e/o aumentare la bagnatura delle piante.
  • Ripetere i trattamenti ad intervalli che consentano un buon controllo: generalmente si utilizza un intervallo di 7-14 giorni in considerazione della velocità di accrescimento delle piante, dell’attività trofica dell’insetto e delle condizioni ambientali.

® Marchio registrato Valent Biosciences, U.S.A.

 

Commenta l'articolo

Compila per proseguire * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.