Scoperto il gene che risveglia le piante dopo l’inverno

Di Andrea De Giorgi

Nelle piante esiste un gene particolare il cui compito è di risvegliarle dalla fase dormiente invernale. È quanto emerso da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison, pubblicata sul giornale dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (PNAS).Sono proprio gli scienziati ad aver battezzato il gene come gene della primavera.

Sono diverse le piante che nel tempo hanno sviluppato la capacità di entrare in una fase dormiente durante l’inverno e attendere la fine della stagione fredda, prima di riattivarsi e spendere le risorse energetiche per sviluppare nella fioritura. Per arrivare, però, alla fase primavera, le piante devono essere esposte a basse temperature per un lungo periodo. Questo processo prende il nome di vernalizzazione.

Esiste un gene, noto come VRN1 che aiuta a ottenere la vernalizzazione, quindi a far entrare nella fase dormiente le piante, all’inizio della stagione invernale. Finora non era chiaro come venisse interrotta la sua funziona per permettere alla pianta di svegliarsi.

Nello studio i ricercatori si sono basati sui comportamenti di un’erba mediterranea, chiamata Brachypodium. Monitorando il comportamento della pianta, gli studiosi hanno individuato un nuovo gene capace di reprimere l’azione di VRN1. Il nuovo gene è stato chiamato RVR1.

Si tratta di uno studio importante, in quanto permette di sviluppare e produrre colture energetiche. Un supporto essenziale per il futuro di colture come mais, grano, avena, segale e orzo che provvedono ad oltre l’80% del fabbisogno calorico della popolazione mondiale.

Commenta l'articolo

Compila per proseguire * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.